/ / La bambina che voleva essere trasparente

La bambina che voleva essere trasparente di Petrulli Maria Lidia



Profilo Critico

La semplicità che fa grandi le cose. Quella di una prosa delicata, che tesse un testo denso e leggero assieme, dalle tinte morbide e con sottili venature di poesia. Quella di una bambina un po’ speciale, che osserva il mondo degli adulti e fa domande sul proprio, mentre vi entra crescendo, senza recite ne reticenze. Poi nel suo gioco di trasparenze, che si fa gioco delle parti, i grandi si fanno piccoli piccoli, la loro piccola vita scivola via artefatta e su di essa indulge ancora quello sguardo disarmante, limpido e dolce di chi continua ad assorbirla senza filtri. Ed è forse questa – tra le pieghe del suo racconto e anche al di là dello stesso – la pregevole dote dell’Autrice: l’averlo conservato. Semplicemente.

Prof. Gennaro Di Leo

Ho elaborato una tecnica speciale. Quando devo stare in un posto con tanti adulti – in genere si tratta sempre di un salotto, perché lì c’è tanto spazio e ci possono stare in molti senza essere davvero insieme – scelgo l’angolo più adatto della stanza, quello da cui posso guardare meglio le loro facce senza trovarmi per forza al centro del loro campo visivo (ho letto che è un modo di dire molto elegante), ci sistemo una seggiola e mi siedo. A quel punto mi concentro su me stessa.
Immagino di raggomitolarmi a palla come un riccio, tutta la mia attenzione si rivolge alle orecchie e al naso finché spariscono, gli occhi diventano piccoli piccoli ma la vista è acutissima, come quella delle aquile, e se anche osservo da una posizione che sembra scomoda, riesco a mettere meglio a fuoco. Le braccia e le gambe si trasformano in zampette, mi accuccio su quelle posteriori mentre le anteriori le sollevo sulla testa, poi con i capelli mi costruisco intorno un bozzolo. Voi non ci crederete, ma così io mi mimetizzo e divento trasparente. In genere funziona. […]
Un’illusione ottica. Credo che ai grandi piacciano molto le illusioni, gli dà la scusa per non guardare quello che non vogliono vedere. Quando divento trasparente, posso finalmente rilassarmi e dedicarmi alla mia passione: osservare.