/ / No, qui non posso restare

No, qui non posso restare di Nicolis Fernanda



Profilo Critico

“Prendi ciò che vuoi dai tuoi giardini sospesi nell’anima” così
canta un grande musicista contemporaneo in una sua
composizione. È quello che osserva l’autrice nella sua opera
verso il giardino della sua anima attraversato dal dolore, dove
incombe la stagione dell’inverno. Qui vivono solitudini e silenzi.
E non descrive soltanto la sua personale solitudine, ma si
immedesima in altre sconfinate solitudini che suggellano la voce
degli ultimi. I suoi versi lievi e incisivi coinvolgono il lettore e lo
inducono a una ricerca interiore. Un isolamento che trova ne “Il
peso della neve” più alti tormenti e inquietudini … “E cado in
questa neve / mentre il verde si allontana / e con lui la nostalgia
dei fiori”.

Presidente di Giuria

Massa, 3 maggio 2020

Dott.ssa SILVANA ARATA

No, qui non posso restare:
è una città senza respiro
troppo alte le mura
troppo anguste le vie
e le cose altissime
a terra, in frantumi,
o appiattite sui muri
come mosche noiose,
e anime prese al laccio
schedate come cani randagi,
e nell’aria l’odore del branco
assetato di preda,
e poi giorni senza data,
senza data, senza data.
No, qui non posso restare:
il mio mondo è altrove
e fino a quando l’indifferenza
non avrà appannato i miei occhi,
canterò la terribile nota degli ultimi
e i semplici luoghi dove il pettirosso
continua a svernare.