In flagranza di poesia

Il perdono è un soffio di magiache ci leva a sorpresa dal cilindroe spazza la tempesta del rancorela nebbia all’orizzonte.La mia anima è soltanto un cesto vuotolasciato sull’asfalto, vi raccolgiola lista degli errori, delle pausedi una vita che brucia come il fuoco.Dimentico le causeinvoco il tuo ritornounica stella a illuminare il giorno.Voglio ridarti quel che…

Nella seconda metà della sua vita

Il sole ruota.Lei scava, scompone aiuole.Con le mani nella terra nutre i bulbi dell’inverno.Non sente il freddo della pietra, né la rovina del vento.Genuflessa tra i fioridimentica che a dicembre le rose moriranno. Qui esiste.Scorda l’assenza e l’ira.Eradica sterpi,entra la felicità della pioggiacome fanno i bambini. Il picco e il badile le fanno compagnia.Ama il…

Il fiume dell’esserci

Le acque scorrono tumultuosenelle alte gole anguste,strette in pareti ruvide di scura pietra. Venti prepotenti le accarezzano nella larga pianura. Fitto fogliame impedisce negli anfrattidi colloquiare con la luce del sole. Rallentano, si allargano, poi riprendono la corsa;trovano il tempo di misurarsi con la riva,prima di precipitare dai dirupie infilarsi nei sotterranei marini. Recupero le…

La bambina che voleva essere trasparente

Ho elaborato una tecnica speciale. Quando devo stare in un posto con tanti adulti – in genere si tratta sempre di un salotto, perché lì c’è tanto spazio e ci possono stare in molti senza essere davvero insieme – scelgo l’angolo più adatto della stanza, quello da cui posso guardare meglio le loro facce senza…