Anselmi Francesco

Francesco Anselmi nasce a Massa l’11 Febbraio 1994.

Impara a leggere e scrivere verso i 4 anni, grazie alla nonna, maestra elementare in pensione. Fin da subito sviluppa una forte predisposizione ad ideare e scrivere storie di genere fantastico. Inizia a scrivere vere e proprie storie all’inizio delle scuole elementari, molte delle quali derivano dalle trame dei giochi che inventa per i suoi amici e compagni di classe. Contemporaneamente, in seconda elementare s’iscrive ad un gruppo Scout, l’allora CNGEI di Massa, ora AGEA, dove fa le prime esperienze di teatro (sia recitazione che invenzione di recite) tramite le scenette con cui gli Scouts si intrattengono la sera attorno al fuoco. In 5^ elementare partecipa ad un progetto teatrale scolastico, contribuendo in parte alla realizzazione del copione. Contemporaneamente inizia a progettare vari “romanzi” (o almeno lo erano nelle sue intenzioni) che scrive a mano su dei quaderni.

In prima media inizia a realizzare opere più corpose, incentivato anche dalla sua insegnate di italiano. Inizia a scrivere al computer, ma continua parallelamente a scrivere racconti su quaderni, prendendo spunto in particolare da alcuni titoli di temi assegnatigli. Sviluppa in particolare varie parodie, in cui inserisce i suoi compagni di classe e professori in situazioni fantastiche. Per tutta la prima e la seconda media partecipa attivamente ai vari concorsi di scrittura a cui la sua classe s’iscrive per spinta dell’insegnante, e intanto si forma nella scolaresca l’idea di una recita di classe, sia nel primo che nel secondo anno. Nel terzo anno, poi, quando l’idea della recita sembra concretizzarsi nel periodo natalizio, scrive la sua prima commedia, “La Guerra dei Carrelli”, tratta da un suo racconto. Il copione non viene portato in scena per problemi di tempo, perciò F. A. scrive una recita sostitutiva, “Il Significato del Natale”, che funge da introduzione e cornice allo spettacolo di Natale della scuola (S.M.S Luigi Staffetti, Massa), recita a cui partecipa come attore e regista. In seguito, sempre durante il terzo anno di scuola media, scrive un’altra commedia per la classe da svolgersi a fine anno “La vendetta di Vancastrel”, e poi “Il Terzo Innato”, un’altra versione della precedente. Neppure questa commedia riesce ad andare in porto, anche a causa della scarsa collaborazione e l’esuberanza di alcuni compagni di classe che non riconoscono il suo ruolo di regista.

Partecipa a vari concorsi di scrittura per le scuole medie, tra cui uno riguardante l’educazione stradale, per cui scrive “La strada di Matteo”. Per un concorso riguardante lo sport, scrive “La vita è una gara”, con cui vince il secondo premio. Il 31 Dicembre 2007 partecipa per la prima volta al concorso “Il Litorale (2007)” dell’associazione Ronchi Apuana con il racconto fantasy “Avvolto nella Tela”, e ottiene una segnalazione della giuria. Partecipa anche con la poesia “Il Potere”, scritta per la scuola, che viene pubblicata nell’antologia “Il Litorale 2007”. Inoltre riceve una targa fuori concorso per “La strada di Matteo”, consegnatagli dall’ACI, nell’ambito della rassegna letteraria “Alpi e Mare di Apuania” organizzata dai Magazzini Pelù.

Per l’anno scolastico 2008/2009 s’iscrive al liceo classico Pellegrino Rossi di Massa. Lo stesso anno diviene Capo Pattuglia nell’AGEA, e questo gli da la possibilità di realizzare recite ed animazioni all’interno del suo gruppo Scout. Partecipa nuovamente al concorso “Il Litorale (2008)” con il racconto fantasy “Dendraays”, e consegue il terzo posto della categoria Giovani. Durante l’anno si dedica all’animazione di vari eventi dell’AGEA, e a Giugno contribuisce a organizzare la Festa della Famiglia della diocesi di Massa/Carrara/Pontremoli.

Durante l’anno 2009/2010 preferisce dedicarsi all’elaborazione di alcuni romanzi, tuttora incompiuti, e all’organizzazione delle attività della sua pattuglia, i Giaguari, all’interno degli Scout. Nell’estate del 2010 porta in scena nel teatro all’aperto della parrocchia di San Pio X, a Massa, la sua prima commedia in massese, scritta e diretta interamente da lui, con un cast di amici e degli Esploratori della sua pattuglia, con il titolo “Quando al ven la to’ ora” (4 Settembre 2010). Sempre nella stessa estate inizia, assieme ad alcuni amici, ad animare alcuni compleanni di bambini di età inferiore alla terza elementare, mettendo a frutto le innumerevoli esperienze conseguite nel corso della sua attività Scout e non. Partecipa poi al concorso “Il Litorale 2010” con il racconto fantasy “Monolithril”, seguito del precedente “Dendraays”, e vince il primo posto nella categoria Giovani.

Attualmente lavora alla commedia dialettale “Guere Stillari”, parodia in massese della saga di Guerre Stellari, che andrà in scena gli ultimi giorni di Agosto presso il teatro all’aperto di San Pio X.


Premi

1° classificato
Giovani Autori
2011

Opere

Monolithril
2011

Brani

Non ci sono brani da leggere