Si sta facendo tardi

di

Profilo Critico

La silloge intitolata “Tra gli spazi bianchi risulta pregnante di un rigore della parola peotica ormai decantata da valenze espressive formali od estetizzanti. La poesia si identifica con la ricerca della genuina potenzialità dello spirito, a cui offrire slancio e vigore, per contrastare l’indifferenza ed il cinismo di una società corrotta e comporta un recupero di una memoria arcaica, sulle orme dei miti agresti, come può ravvisarsi nel confronto dialettico con l’opera di Cesare PAvese: “La casa in collina”. Il poeta può ripristinare l’autenticità di valori insiti nelle radici della stirpe umane, aifine di restituire un senso etico ad una civiltà smarrita. Si rievocano con un intenso phatos vicende di creature vinte dal destino. Il riscatto scaturisce nella contemplazione di una natura quasi trasfigurata e che offre riparo alla spietata ideologia della sopraffazione.
Prof. Adriano Godano

Si sta facendo tardi, la sera

incipiente accarezza la polvere

di ore su cui è calato il silenzio

nascoste nella penombra dell’esilio.

Quando il crepuscolo confonde le sagome

e la pace avvolge le dimore dei morti

la memoria ruba la scena alla luce

di un altro giorno vissuto sulla soglia.

Si sta facendo tardi, sempre

più tardi e i miei versi

sono come le gocce di pioggia

che bussano sulle finestre del tempo

impalpabili sull’asfalto dell’estate.

Essi sono il nudo testamento

scritto sulla polvere dei giorni

che non restituisce mai le sue prede

affondate nell’abisso del non detto.

Non riempiranno la parte mancante

della clessidra scandita dalle ore

i miei versi cadenzati e lenti

non potranno sconfiggere la morte

ma forse sorridere alla sera

e decifrare le trame della sorte

confessione che si schiude alla vita

come corolla che si disvela a primavera.

Prima che gli alberi restituiscano le ombre

un minuto prima che sia tardi

la poesia veglierà sulle mie sere

come luce di una nuova redenzione

e spoglierà ogni istante battuto dal vento

della patina coriacea dei rimpianti

suggello di questo mio presente

come se fosse eterno.